La Bellezza al servizio della fede

LA GRAN MACCHINA DEL DUOMO _ LA CATTEDRALE MILANESE

"Renzo, salito per un di que' valichi sul terreno più elevato, vide quella gran macchina del duomo sola sul piano, come se, non di mezzo a una città, ma sorgesse in un deserto; e si fermò su due piedi, dimenticando tutti i suoi guai, a contemplare anche da lontano quell'ottava maraviglia, di cui aveva tanto sentito parlare fin da bambino”.Cap XI Promessi Sposi

La grande Cattedrale sorse nel cuore della città , in un area già fittamente occupata da fondazioni religiose ,alcune delle quali risalenti al III secolo. L’accordo tra il desiderio dei cittadini nella persona del Vescovo, Antonio da Saluzzo   e l’affermazione dell’importanza politica della famiglia Visconti , nella persona di Gian Galeazzo permisero  la costruzione della Cattedrale. Nell’edifico si mescolarono fin dall’origine apporti differenti : quello dei maestri stranieri che portarono le novità del tardogotico europeo con la sapienza dei maestri presenti in Lombardia con una lunga tradizione.

Nei lunghi secoli della costruzione si alternarono momenti di grande fervore artistico e momenti dove la “ Fabbrica “ proseguì la sua  attività in modo più routinario.

La data di nascita della cattedrale è tradizionalmente considerata il 1386 . Di solito nella lunga storia si distinguono diverse fasi legate normalmente alle problematiche costruttive: la prima fase con la definizione di un progetto di massima, la fase rinascimentale con il grande dibattito sulla struttura del Tiburio , la fase borromaica che vide aprirsi il problema della facciata ma soprattutto dell’adeguamento dello stile a quello più moderno e aggiornato visto che  il Gotico aveva ormai esaurito le sue ragione più profonde, la fase più tarda legata al problema della guglia Maggiore e  infine il dibattito sul completamento della facciata. Anche se non esiste una data ufficiale per stabilire un termine all’edificazione perché  i lavori  proseguirono e proseguono ininterrotti perché  ancora oggi vengono inserite opere nel ricco e stupendo patrimonio d’arte della cattedrale e i secoli di storia comportano interventi di restauro